Una Quiche piccante con le verdure – una ricetta per un antipasto mediterraneo

 

La quiche piccante Un antipasto mediterraneo.

Ingredienti e dosi per 6 persone

MIGLIORE Il logo Cuochi di Ornyboy 400 per 340.jpg300 grammi di pasta frolla salata (potete comprarla già pronta) – una zucchina – 300 grammi di carote – un porro (solo la parte bianca) – 2 peperoni di cui uno rosso e uno giallo – 2 spicchi di aglio – 3 cucchiai di olio extravergine di oliva – 4 cucchiai di brodo vegetale – 2 foglie di maggiorana fresca – un peperoncino piccante fresco – sale.

 

Preparazione

Iniziate a preriscaldare il vostro forno a 200 gradi.

Preparate anche uno stampo di quelli a cerniera del diametro di 24 centimetri circa.

Stendete su di un piano di lavoro che avrete leggermente infarinato la pasta frolla in modo da formare una sfoglia di forma rotonda che ha uno spessore di circa 5 mm.

Trasferitela nello stampo ritagliando i bordi che dovessero uscire fuori. Punzecchiatela con una forchetta.

Fatela cuocere per circa 15 minuti o finché sarà leggermente dorata.

Nel frattempo preparate le verdure.

In una padella saltate l’aglio che avrete schiacciato con l’olio a fuoco medio fino a quando sarà leggermente dorato, quindi eliminatelo.

Unite nella padella le carote, la zucchina e il porro tutte tagliate a fettine sottili. Aggiungete anche i peperoni che avrete mondato e tritato a pezzettini e saltate tutte queste verdure a fuoco alto per circa 3 minuti.

Salate e proseguite la cottura per circa 15 – 20 minuti, aggiungendo il brodo vegetale.

Adesso distribuire le verdure cotte sulla base della torta e completate con la maggiorana fresca che avrete tritato finemente e con il peperoncino tritato a pezzettini (fate attenzione a non toccarvi gli occhi dopo aver tagliato i peperoncini).

Fate cuocere in forno la Quiche completa per circa 15 – 20 minuti.

Alla fine della cottura sfornate e servitela tiepida.

Una Quiche piccante con le verdure – una ricetta per un antipasto mediterraneoultima modifica: 2010-04-11T17:30:00+02:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento