Il Cuscussu – ricetta tipica siciliana

 

U Cuscussu

logo cuochi Kigei 400 per.JPGGli ingredienti e le dosi:

300 grammi di semolino a grana grossa, 1 chilo di pesce assortito (fra cui pesci di scoglio e una piccola aragosta), sale, un poco di pepe, olio di oliva, qualche spicchio di aglio e 2 pomodori.

La preparazione della ricetta.

Per preparare il cuscussu occorre innanzitutto un recipiente di terracotta verniciata  chiamata anche in siciliano (mafaradda) e un altro recipiente sempre in materiale di terracotta verniciata, con il fondo convesso e bucherellato che si può adattare su una qualsiasi pentola purché di uguali dimensioni. Adesso mettete nel primo recipiente, spargendolo a poco a poco con la mano, il semolino e versate lentamente qualche cucchiaio di acqua, mescolate con cura premendo il semolino contro le pareti del tegame. Poi roteando la mano lavoratelo con le dita distese in modo che si formino come dei piccoli chicchi che toglierete via via per metterli su un setaccio o su un largo vassoio coperto da un tovagliolo. Continuate questa operazione fino a quando tutto il semolino verrà usato. Quando tutti i chicchi saranno formati e asciugati, fate bollire un litro di acqua in una pentola piuttosto alta e su questa posate l’altra di terracotta bucherellata, mettendo tra una e l’altra un panno bagnato e spremuto, in modo che non vi sia dispersione di calore. Quando vedrete che il vapore comincia a filtrare, mettete i chicchi nel tegame bucherellato e lasciate cuocere per almeno un’oretta. Dopo aver pulito il pesce fatelo cuocere nell’olio in cui avrete fatto imbiondire il vostro spicchio d’aglio, conditelo con sale e pepe e poi bagnatelo con dell’acqua bollente in modo da farlo ricoprire bene. Aggiungete i pomodori tagliati a pezzetti e fate terminare la cottura. Servite alla fine il cuscussu accomodando sui grani di semolino il pesce e innaffiandoli con dell’altro brodo.

Buon Appetito…

Il Cuscussu – ricetta tipica sicilianaultima modifica: 2010-01-09T20:46:00+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento