Squisite costolette di agnello con paté di fegato d’oca – ricetta

Visto che stiamo per avvicinarci al Sacro e felice momento della Pasqua, propongo questa ottima ricetta a base di agnello e paté di fegato d’oca, da gustare con i vostri amici.

Le dosi e gli ingredienti per 4 persone (regolatevi Voi di conseguenza in base al numero dei vostri ospiti) sono:

8 costolette di agnello che hanno un peso di circa 100 grammi l’una, 40 grammi di burro, 100 grammi di paté di fegato d’oca, uno scalogno, uno spicchio di aglio, un cucchiaio grande di passata di pomodoro, un cucchiaio pieno di brandy, del sale e del pepe quanto basta.

 

costolette di agnello con paté, ricette, cucina, secondi, carne, paté di fegato d'oca, pasqua

Preparazione delle costolette di agnello con il paté.

Iniziamo col strofinare bene le costolette di agnello con lo spicchio d’aglio, dopo che questo è stato schiacciato. Adesso salatele e mettete una bella manciata di pepe (cospargetele tutte), che avrete macinato al momento. Ammorbidite un poco il burro in un recipiente e poi incorporategli bene la passata di pomodoro. Spalmate ora con questo composto la vostra carne. Mettete le costolette sulla griglia del forno facendo attenzione a sistemare sotto la “leccarda” per poter raccogliere tutto quel gustoso sughetto di cottura. Ponetele sotto il grill già acceso, facendolo cuocere per circa 15 minuti e girandole più volte durante la cottura.

Mettete il paté di fegato d’oca in una ciotola, incorporatevi il cucchiaio di brandy e lo scalogno grattugiato in modo fine e mescolate con delicatezza. Adesso mettete questo composto in una siringa del tipo per dolci e lasciatelo nel vostro frigo fino al momento di servire.

Disponete le costolette su un piatto adatto per servire e su ognuna di esse spremete con la siringa un bel “fiocco” del composto col paté. Servite e gustatevi subito e ben calde le vostre costolette di agnello con i vostri ospiti.

 

Squisite costolette di agnello con paté di fegato d’oca – ricettaultima modifica: 2012-02-22T09:49:00+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento