Le frittate e le omelettes nella Nostra bella cucina – alcuni semplici consigli della Nonna

 

Frittate e omelette

Le uova come prepararle.jpgFra i piatti di maggior risorsa di una donna o di un uomo di “casa”, bisogna mettere in primo piano le frittate, che in alcuni casi, ci salvano da una cena andata male, per esempio, o di una venuta di ospiti improvvisa.

Non per questo però, le frittate devono essere considerate come un piatto di ripiego, o secondario. Infatti dalla semplice frittata, fatta solo di uova, si arriva infatti fino alle frittate che, riempite con farce raffinatissime, sono addirittura pietanze di alta cucina, pensate un po’.

La frittata si può preparare di solito in due maniere: a forma piatta (questa è la frittata italiana), oppure ripiegata in due o tre parti e allora prende il nome di omelette, o frittata francese.

 

Alcuni piccoli consigli e segreti per le frittate

A differenza di quanto può sembrare a prima vista, non è così facile fare un ottima frittata o un ottima omelette. Cerchiamo di imparare bene la “frittata – base“. Anche in questo caso, valgono alcune regole generali fondamentali. Prima di tutto, le uova vanno sbattute con una forchetta non troppo a lungo, contrariamente a quanto fanno moltissime casalinghe e casalinghi. Vanno leggermente salate (un pizzico per ogni persona). Quando si prepara una frittata per più persone, si dovrebbero calcolare due uova a testa. Se avete diversi ospiti a pranzo, magari più di sei, sarà bene friggere lo sbattuto di uova a diverse riprese.

Anche la frittata più semplice, deve essere cotta al punto giusto. Solo così infatti essa resta morbida internamente e asciutta esternamente. Per ottenere questo risultato, occorre far scaldare il burro fino a fargli prendere, un colore dorato. Per evitare che il burro annerisca, sarà consigliabile unire al burro, anche una piccola quantità di olio.

Se si usa esclusivamente olio, questo deve essere fumante. Sarà bene che, sia l’ olio che il burro impiegati, siano in piccolissime quantità, quel poco sufficiente, perché la padella ne rimanga leggermente ingrassata.

Come si fa la frittata

Le uova vanno sbattute con la frusta o semplicemente con una forchetta, in una terrina o in un piatto fondo. Ricordate di aggiungere a questo punto il sale necessario. Si mette nella padella adatta a questo tipo di fritture, un pezzetto di burro, o se si preferisce l’ olio, dopo si versano le uova sbattute. Dopo un minuto circa, con una forchetta si solleva la frittata al centro in modo che la parte ancora liquida possa scorrere sotto e coagularsi. Tutta la cottura, deve avvenire a fuoco vivo. Se si tratta di una semplice frittata, da presentarsi piatta, occorre rivoltarla, perché possa dorarsi anche dall’ altra parte. Per far questo, appoggiate un piatto di diametro più grande, sulla padella stessa, e quindi capovolgete la frittata, e fatela scivolare di nuovo nella padella.

Se alla frittata piatta, volete aggiungere ingredienti vari (verdure, spaghetti, ecc.) fateli insaporire prima nella padella con poco burro, indi versateli nella zuppierina contenente le uova sbattute, e passate quindi alla cottura.

Preparare le omelettes

L’ omelettes può essere semplice o composta. È semplice, quando contiene solo uova o al massimo un ingrediente, aggiunto direttamente alle uova sbattute (formaggio grattugiato, tartufi tagliati sottili, prosciutto a dadini, ecc.).

L’ omelette composta, invece al momento di ripiegarla, verrà guarnita con un piccolo ragù di rognoncini o fegatini, oppure con funghetti in umido, salsa di pomodoro e burro, mozzarella, ecc.

Continua…

Cerchiamo ora di dare alcuni consigli per le omelettes

Fate tante piccole frittatine, versando poco per volta, il composto nella padella, e attendete che le uova si rapprendono in modo uniforme, quando ciò è avvenuto, abbassate la fiamma, e staccate con l’ aiuto di una palettina, le omelettes, dal fondo e dai bordi. Sollevate il manico della padella, e fate scivolare le frittatine verso la parte opposta, rovesciatele e cuocetele dall’ altra parte. Toglietele dal fuoco, e adagiatele su un foglio di carta assorbente e ripiegatele. Se volete le omelettes composte, è questo il momento di aggiungere le guarnizioni che avrete scelto, procedendo in questo modo:

sistemate al centro di ogni omelettes un po’ del composto che avrete preparato a parte. Ripiegate poi una metà dell’ omelettes sull’ altra, e raddoppiatela di nuovo (potete anche semplicemente arrotolare la frittatine su se stessa, racchiudendo nell’ interno il ripieno).

Sistemate le omelettes su un piatto di portata, e decoratele con foglie di prezzemolo.

 

Un breve Repertorio di frittate e omelettes

Frittata al formaggio – alle uova sbattute aggiungete del parmigiano grattugiato, calcolandone un cucchiaio colmo per ogni due uova. Per questa frittata, usate una dose leggera di sale.

Frittata agli spaghetti – per questo tipo di frittata, usate degli avanzi di spaghetti o tagliatelle, tagliatele a pezzetti, mescolateli alle uova sbattute, aggiungendovi qualche cucchiaiata di formaggio grattugiato, e procedendo come al solito.

Frittata di pane – in una padella, fate friggere nell’ olio o nel burro, delle fettine sottili di pane e, quando saranno colorite dalle due parti, versatevi sopra le uova sbattute.

Frittata di patate – fate lessare le patate, ma non completamente. Tagliatele a piccole fette di mezzo centimetro l’ una, e fatele rosolare dalle due parti nell’ olio o nel burro, prima di aggiungerle alle uova sbattute.

Frittata di pomodoro – è una frittata insolita, ma molto gustosa. Occorrono pomodori non troppo maturi, tagliate a fette e private dei semini. Mettete le fettine una accanto all’ altra, in una padella, facendole rosolare un poco nell’ olio. Aggiungete qualche cappero sott’ aceto, e unite il tutto alle uova.

Omelette con peperonata – preparate l’ omelette, e prima di avvolgerla farcirla con alcune cucchiaiate di peperonata. Guarnite poi, con un’ altra cucchiaiata di peperonata l’ omelette già disposta sul piatto di portata.

Omelette con i fegatini – togliete il fiele ai fegatini di pollo, tagliateli a pezzetti non troppo grossi e fateli rosolare nel burro, a fiamma vivace per non più di 4 o 5 minuti. Unite anche un sorso di marsala. Cuocete l’ omelette, riempitela con i fegatini già preparati e arrotolatela su se stessa.

Omelette confiture – è un dessert, semplice e sano, tradizionale della cucina francese. A 4 uova aggiungete 40 grammi di zucchero, e sbattete il composto. Fate delle omelettes e mettete al centro di ognuna, mezzo cucchiaio di marmellata scelta a Vostro gusto. Adagiatele su un piatto di portata, versatevi sopra un poco di cognac, e fiammeggiatele. Servitele ben calde.

 

Se vi fa piacere, leggete a parte la ricetta del Tortino di carciofi sempre su questo blog.

 

Arrivederci a presto

Le frittate e le omelettes nella Nostra bella cucina – alcuni semplici consigli della Nonnaultima modifica: 2010-02-16T17:03:03+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento