La Zuppa di pesce alla napoletana – una ricetta tipica della gastronomia Campana

Immagine cucina campana.jpg

 

Un secondo piatto tipico napoletano a base di pesce.

Ingredienti e dosi per 4 persone:

Un chilogrammo di pesce misto (scorfano, sanpietro, sogliole, gamberetti, calamaretti, seppie, etc.) – 500 grammi di vongole e cozze – 400 grammi di pomodori maturi – 2 spicchi di aglio – una carota piccola – 2 cipolle – sedano – prezzemolo – olio – sale – pepe – crostoni di pane fritto in olio.

 

La preparazione della ricetta.

Iniziate col pulire tutto il pesce, togliendo le varie spine o altro, sgusciate i gamberetti, e alla fine tagliate tutto il pesce a pezzi, senza che buttiate le spine e gli scarti (teste e gusci).

In una pentola con due litri di acqua salata, mettete la carota, una cipolla, un gambo di sedano, un poco di prezzemolo, le lische dei pesci, le teste dei pesci, e i gusci dei gamberetti, e preparate intanto il brodo, che dopo dovete filtrare.

Fate aprire in una padella sul fuoco le vongole e le cozze. Alla fine filtrate l’acqua rimasta nella padella e tenetela da parte.

In un tegame capiente con qualche cucchiaiata di olio, fate rosolare una cipolla tritata, aggiungete i calamaretti e le seppie, un poco dell’acqua di cozze e vongole, e fate cuocere per 5 minuti a tegame coperto.

Prendete i pomodori, spellateli, togliete loro i semi e tagliateli a pezzettini tritati, e dopo aggiungeteli nel tegame coi calamaretti e seppie, e fate cuocere ancora per qualche minuto.

Unite infine tutto il pesce, le cozze, le vongole, i gamberetti, l’aglio tritato, del pepe e il brodo fatto con i ritagli (teste e spine) di pesce.

Portate ad ebollizione e fate cuocere ancora per 10 minuti.

Disponete in ciascuna scodella per gli ospiti, alcuni crostoni di pane fritti, e un po’ di pesce e frutti di mare con il loro brodo.

Spruzzate con abbondante prezzemolo e poi servite a tavola.

La Zuppa di pesce alla napoletana – una ricetta tipica della gastronomia Campanaultima modifica: 2010-05-24T17:29:00+02:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento