La cucina siciliana – tradizioni e ricette

 

La cucina siciliana con qualche cenno.

logo cuochi Kigei 400 per.JPGLa Sicilia anche se legata al resto del continente da vincoli forti e tenaci è pur sempre un isola, una meravigliosa isola in mezzo ad un mare incantevole e anche in fatto di cucina si differenzia dalle altre regioni dell’Italia, anche da quella meridionale perché presenta caratteristiche tutte sue che le derivano oltre che dalla sua posizione geografica, dalle sue particolari e millenarie tradizioni trasmesse da popoli diversi. Ognuno di questi popoli che attraverso i secoli abitarono e dominarono questo (lasciatemelo dire visto che sono un fiero siciliano) gioiello di isola, come per esempio i Greci, gli Arabi, i Normanni e gli Spagnoli solo per citare i più celebri, hanno lasciato diverse impronte del loro passaggio e questo si nota benissimo anche nel settore della gastronomia siciliana. Un esempio dei piatti tipici è il “Cuscussu” che già dal nome ci fa capire che deriva dal famoso piatto di origine araba chiamato “Cuscus“. A tutto questo aggiungiamo che la Sicilia è baciata quasi tutto l’anno dal sole e capiamo perché viene chiamata molto spesso “la perla del Mediterraneo”.

La cucina siciliana è molto squisita, completa, piena di specialità in tutti i settori dai primi piatti che spesso sono anche piatti unici e completi, perché molto “robusti” con gli ingredienti a quelli di pesce, superlativi per la pescosità del mare siciliano, fino ad arrivare ai dolci tipici siciliani che possiamo dire essere un vero e proprio punto forte e un vanto per tutti i siciliani (vediamo la lista sotto per alcune tipiche ricette).

I primi piatti e le minestre tipici della Sicilia

Le minestre e i primi piatti hanno grande importanza nella gastronomia siciliana. Spesso come detto si tratta di piatti unici (che vengono completati da formaggio e verdura) costituiti da pastasciutta, preparata con grande varietà di ricette e condita con verdura o con pesce. La più famosa pasta siciliana è quella con le sarde, le ottime e polpose sarde di Sicilia. È un piatto ottimo, forse un pochino “difficile” per i palati non abituati agli aromi forti (vedi ingredienti).  Di sapore più delicato è la pasta con le melanzane, che sono unite al sugo di carne oppure, in una variante catanese, gli spaghetti alla “Norma“, ai pomodori e ricotta (in omaggio al grande compositore catanese Vincenzo Bellini). Altri piatti tipici siciliani a base di pasta, sono gli spaghetti con le alici, quelle con le seppie, quelle con i broccoli e quelle con i carciofi. Su abbiamo già parlato del cuscussu, specialità di Trapani di derivazione africana, la quale è una specie di zuppa di pesce che si offre generalmente per onorare l’ ospite. Tra i primi piatti tipicamente siciliani, non dobbiamo dimenticare i famosi arancini, che sono pallottole di riso ripiene di carne, formaggio ed altri ingredienti. Vi sono anche i “crispeddi“, pizzette sferiche riempite con ricotta o con acciughe, e gli “sfinciuni“, che sono la versione siciliana della pizze napoletane (vedi la lista sotto per le ricette).

I pesci nella cucina tradizionale siciliana

Il pesce è una delle grandi risorse della Sicilia. Il gran favorito è il pesce spada, specie nella zona di Messina, che viene cucinato “alla ghiotta“, cioè con olio, pomodoro, cipolle, sedano e olive, e poi servito con contorno di patate. Voglio anche ricordare, la frittura di “sciabacheddu“, minuscoli pesciolini che vengono pescati con una rete particolare detta “sciabica“, da qui il nome. l’ articolo continua…

Le verdure della cucina siciliana

Cucina tipica siciliana ricette.JPGLe verdure hanno una parte da protagoniste nella gastronomia siciliana, e sono quasi sempre presenti in ogni pasto, dove molto spesso tengono il posto della carne, o arricchiscono i condimenti per la pastasciutta. Fra le verdure che la cucina siciliana usa con maggiore frequenza vi sono le melanzane, che vengono preparate in moltissimi modi. Uno dei più inconsueti, rispetto a quelli di altre cucine regionali, è quello di friggerle dopo averle tagliate a grosse fette, ma senza staccare le fette una dall’ altra. Le melanzane, si ritrovano distribuite a strati conditi col ragù o con salsa di pomodoro, nei pasticci di maccheroni o di altra pasta, nei timballi di pasta o di riso, di cui formano tagliate a fette il rivestimento esterno. Dalla Piana di Catania e da Gela, provengono squisite primizie come piselli, carciofi e altro, che viene anche esportato. Ma  ottime verdure, si trovano in tutta la Sicilia (vedi  la lista sotto per le ricette).

I formaggi e la frutta siciliana

Possiamo mettere in prima fila la ricotta, molto usata per condire primi piatti e per i dolci. Altro formaggio tipico è il caciocavallo più o meno stagionato. Dalla provincia di Messina e da quelle di Catania, proviene la vasta produzione di un formaggio chiamato “maiorchino“, fatto con il latte di pecora e molto piccante, che ha una variante tipica, in cui al formaggio viene mescolato del pepe.  Per quanto riguarda la frutta siciliana, la mente va subito verso quelle sterminate distese di agrumeti, che fanno della Sicilia una delle più importanti regioni a livello di esportazioni. Limoni, arance, mandarini, pompelmi, ma anche fichi, fichi d’ india, mele, pere e tanto altro ancora.

I dolci tipici della Sicilia

La Sicilia è per eccellenza, il paese dei dolci che, per  tradizione, un tempo venivano preparati nei Monasteri, dove le monache li fabbricavano per una particolare forma di penitenza, contro il peccato di gola, dato che non era loro concesso di assaggiarli. Sembra che questa antica tradizione, esiste ancora in qualche posto “particolare” della Sicilia, come per esempio a Palermo, presso il monastero di Santa Caterina, dove vengono preparati i famosi “cannoli” e i dolci di pasta reale. Quest’ ultimo dolce, è uno dei dolci più famosi della Sicilia, è un impasto finissimo di mandorle, zucchero e albumi pestati nel mortaio. Con essa, si preparano in periodi particolari dell’ anno, delle imitazioni di frutta che, dipinte con vero senso artistico, appaiono come frutta fresca vera. In Sicilia, vengono anche chiamati “frutti di marturana“. Un altro dolce di origine monastica, sono i “pupi di zùccaro“, preparati con zucchero liquefatto alla fiamma del fuoco, e poi travasato in caratteristiche formine di gesso dove assume forme pittoresche di Angeli, Santi, soldati e pupi. Vi sono anche i canditi siciliani, fra i quali non mancano la zucca ed il melone, i quali vengono usati come ripieni. Abbiamo anche i “mustazzuoli“, che sono dei dolci casalinghi, composti di canditi, zucchero, albumi e pasta di mandorla, e poi rivestiti di cioccolata. Abbiamo anche i “cartocci“, le “muffolette“,  la “cubaita” e altri dolci ancora, che stanno tutti a testimoniare con la loro bontà, come la Sicilia sia una regione importante nel campo dolciario. No, non mi sono dimenticato del famoso gelato fresco siciliano, che io reputo il migliore in assoluto, sia in Italia, che ne resto del mondo (vedi la lista sotto per le ricette).

Alcune delle ricette tipiche della Sicilia

Pasta con le sarde

U cuscussu

Arancini di riso

Pasta ‘ncaciata

Farsumagru

Focaccia siciliana

Sfincione semplice

Sarde a beccafico

Braciole di tonno

Triglie alla siciliana

Melanzana alla palermitana

Caponata

Cassata siciliana

Cannoli siciliani

Spumette di nocciola

 

Carissimi Amici lettori, Kigei vi augura Buon Appetito e…fateci sapere cosa ne pensate con i Vostri commenti sempre graditi della cucina della Nostra amata Sicilia, a presto.

La cucina siciliana – tradizioni e ricetteultima modifica: 2010-01-09T21:20:00+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “La cucina siciliana – tradizioni e ricette

Lascia un commento