La cucina della Basilicata – alcuni cenni sui piatti tipici e qualche ricetta

 

MIGLIORE Il logo Cuochi di Ornyboy 400 per 340.jpgla Basilicata come gran parte delle belle Regioni di Italia ha una grande tradizione anche nel campo della gastronomia. La carne di suino insaccata o preparata in diversi modi costituisce per esempio uno dei cardini dell’alimentazione in Basilicata.

Anche le verdure sono molto famose in questa Regione, le quali vengono preparate in maniera molto fantasiosa e a volte sostituiscono anche la carne. Ricercati sono poi i funghi cardoncelli, le fave di Lavello e le piccole ma gustose lenticchie di Potenza.

Anche i formaggi sono importanti come per esempio il caciocavallo, i provoloni, il butirro o le scamorze che occupano un posto importante nella gastronomia locale.

La Basilicata chiamata anche Lucania è ricca di bellezze naturali. È una terra aspra e montuosa con molte erbe aromatiche selvatiche che danno un inconfondibile profumo, come quello dato dal peperoncino rosso che viene fatto essiccare davanti le porte delle tipiche case di campagna.

Anche a livello di ingredienti di mare questa regione offre molte tradizioni, una su tutte la famosa “zuppa di pesce alla santavenere” che è un gustoso brodo di pesce insaporito con aromi e peperone rosso dolce ridotto in polvere.

Per quanto riguarda la pasta fresca quella fatta in casa con farina di semola di grano duro e acqua, famose sono le “lagane” che sono degli spaghetti con il buco, delle tagliatelle larghe, i fusilli etc.

per quanto riguarda i dolci, quello tipico lucano delle festività della Pasqua è la “scardedda” che è una torta di pasta frolla farcita con ricotta e uovo sodo.

I piatti potrebbero continuare ancora per molto, ma per il momento mi fermo qui.

Troverete alcune ricette tipiche della Regione in questo blog nella categoria della “cucina della Basilicata” che man mano aggiorneremo.

La cucina della Basilicata – alcuni cenni sui piatti tipici e qualche ricettaultima modifica: 2010-05-14T16:03:00+02:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento