Il minestrone invernale – ricetta

 

Per 4 persone

Ingredienti e dosi:

300 grammi di riso – 250 grammi di fagioli freschi o 100 grammi di quelli secchi – 150 grammi di zucca – 100 grammi di cotenne di maiale – 3 patate – 1 carota – 1 cipolla – 1 cuore di sedano – un quarto di cavolo verza – 2 zucchine – 5 foglie di basilico – 40 grammi di parmigiano grattugiato – 45 grammi di olio (mezzo decilitro) – 30 grammi di burro – 2 dadi da brodo – 1 cucchiaio di salsa di pomodoro – 5 grammi di sale – 1 pizzico di pepe.

 

Utensili

Terrina per mettere a bagno i fagioli, mezzaluna, tagliere, pentola da 3 litri.

 

Preparazione

1 – Sbucciate i fagioli, se sono secchi, ricordate invece, di metterli a bagno la sera precedente in acqua tiepida.

2 – Affettate finemente la cipolla, il cuore di sedano, la carota. Metteteli nella pentola insieme alle foglioline di basilico tritate e aggiungete l’ olio e le cotenne di maiale (dopo averle pulite e, se necessario passate alla fiamma per  bruciare i piccoli peli). Su fuoco moderato, fate rosolare per circa dieci minuti.

3 – Tagliate a dadini patate, zucchine e zucca, dopo averle sbucciate e lavate. Tagliate poi a striscioline il quarto di cavolo.

4 – Fate bollire a parte 2 litri di acqua, versateli nella pentola, aggiungete i fagioli e gli ortaggi di cui al punto 3. Mettete la cucchiaiata di salsa di pomodoro, due dadi per il brodo e un pizzico di pepe.

5 – coprite con un coperchio, e fate cuocere a fuoco moderato per circa 2 ore. Assaggiate e aggiungete il sale, se è necessario.

6 – aumentate la fiamma, mettete in pentola il riso ben nettato, mescolate e fate cuocere per venti-venticinque minuti. A cottura ultimata, aggiungete il burro e quattro cucchiaiate di parmigiano grattugiato.

 

Come servire

Servite ben caldo, con parmigiano a parte, in una bella zuppiera, magari in stile rustico.

Un consiglio

Le verdure, possono essere variate, secondo il Vostro gusto.

Buon appetito a tutti

Il minestrone invernale – ricettaultima modifica: 2010-01-24T14:11:03+01:00da kigei
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento